Imola: Fondazione Cassa risparmio Imola, erogazioni 2016 e previsioni 2017

 

sviluppo locale ed edilizia popolare
Anche nel 2017, l’attività della Fondazione nel settore considerato sarà prioritariamente diretta a:
1. stimolare e sostenere progetti capaci di promuovere,
in ambito locale;
2. la crescita della cultura imprenditoriale, manageriale e professionale essenziale per competere con successo in mercati che premiano sempre più la qualità e L’innovazione;
3. concorrere alla valorizzazione e allo sviluppo turistico del territorio, sostenendo iniziative e
progetti promossi dalle istituzioni e dalle associazioni di categoria locali;4. sostenere i procedimenti di brevettazione industriale
da parte della piccola e della media impresa locale;
5. sostenere progetti innovativi nel campo dell’agricoltura di qualità;
6. sostenere la promozione della sicurezza nei luoghi di lavoro;
7. partecipare ad eventuali interventi di riqualificazione del centro storico cittadino.
In particolare, per il 2017 si prevede uno stanziamento di 80.000 Euro, interamente a valere sulla redditività, a favore delle attività del Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese. Come prassi operativa, la Fondazione continuerà a coinvolgere le Associazioni imprenditoriali, gli Enti territoriali e gli Enti di ricerca intorno alle diverse iniziative e attività di volta in volta sostenute,e a ricercare una fattiva collaborazione con tutti i soggetti interessati.

educazione, istruzione e formazione
Anche nel 2017 la Fondazione opererà in questo settore rilevante sostenendo in primo luogo le proposte e le iniziative presentate dall’Università di Bologna e dalle Istituzioni scolastiche del territorio, nell’ottica di conseguire una sempre migliore qualificazione del sistema formativo locale. Con riferimento all’istruzione universitaria, nel 2017 la Fondazione contribuirà a valorizzare: – il Corso di laurea triennale in Verde ornamentale e Tutela del paesaggio della Scuola di Agraria e Medicina veterinaria, con uno stanziamento di 50.000 Euro;
– i Corsi di laurea triennali in Tecniche erboristiche e in Tossicologia ambientale della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie, con uno stanziamento di 20.000 Euro;
– il Master annuale di primo livello in Costruzioni in legno, avviato nell’Anno accademico 2014/2015 dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali dell’Università di Bologna, con un contributo di 50.000 Euro;
– il Master annuale in Progettazione del verde e del paesaggio, avviato ad Imola dal Dipartimento di Scienze Agrarie con un contributo di 25.000 Euro;
– la riproposizione del “premio” ai migliori studenti del Plesso universitario imolese, con un impegno di 38.000 Euro. A valere sul Fondo per le erogazioni nei settori rilevanti è inoltre previsto uno stanziamento di 150.000 Euro a favore del Comune di Imola per finanziare la riduzione o l’eventuale annullamento delle tariffe scolastiche comunali, ovvero la concessione di buoni libro alle famiglie in difficoltà a causa della perdurante crisi economica. Come di consueto, infine, saranno attivamente sostenute le scuole di ogni ordine e grado tramite interventi di carattere generale ed eventualmente di carattere specifico, secondo le esigenze prospettate dalle istituzioni stesse e compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili.In questo ambito, in particolare, nel 2017 sarà riproposta il progetto La Fondazione per la scuola – consistente nell’omaggio di un vocabolario della lingua italiana o di quella inglese o di un atlante geografico universale, a scelta dello studente.

ricerca scientifica e tecnologica
Nel settore della ricerca scientifica e tecnologica oltre ad eventuali progetti ed iniziative interne, la Fondazione continuerà a valutare e sostenere progetti e iniziative di rilevante interesse per il territorio di riferimento proposti dalle Istituzioni
scientifiche con particolare riguardo all’Università di Bologna. In questo ambito, nel valutare le necessità del territorio, si continuerà a prestare una particolare attenzione ai progetti aventi caratteristiche di innovazione e qualità. In tale ottica, nell’esercizio 2017 si prevede di sostenere con uno stanziamento di 86.000 Euro, alcuni progetti di ricerca presentati dal Dipartimento di Scienze agrarie dell’Università di Bologna e uno stanziamento di 100.000 Euro Dipartimento di Medichina e Chirurgia per le attività di alcuni ricercatori operanti nell’ambito del Corso di laurea specialistica in Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione

arte, attività e beni culturali
Un primo ed essenziale impegno in questo ambito si realizzerà attraverso la gestione e la valorizzazione delle proprietà del Palazzo Sersanti, del Palazzo Vespignani e del Palazzo Dal Pero – che sono funzionali all’esercizio dell’attività istituzionale oltre che attraverso la gestione e l’arricchimento – quando possibile – delle collezioni di mobili d’epoca, quadri d’autore, ceramiche artistiche e altri oggetti di interesse storico, artistico e culturale per la comunità locale. Più in generale, la Fondazione continuerà a promuovere e a sostenere la diffusione dell’arte e della cultura nel territorio di riferimento, e a tutelare e valorizzare i beni culturali quivi presenti. In particolare, così come nell’esercizio precedente, nel 2017 sarà costituito un Fondo per le iniziative interne con uno stanziamento di 180.000 euro che sarà utilizzato per l’organizzazione diretta, da parte della Fondazione, di eventi rilevanti in ambito culturale e artistico.La Fondazione continuerà inoltre a valorizzare il settore musicale confermando il tradizionale supporto ad eccellenti istituzioni locali dedite alle attività concertistica e di alta formazione musicale, che hanno avuto anche il merito di portare in città alcuni fra i maggiori interpreti del panorama musicale mondiale. Una analoga attenzione sarà rivolta, come di consueto, all’attività culturale promossa dagli Enti locali nonché dalle associazioni private e ai centri culturali senza fine di lucro che si rivolgono alla Fondazione per meglio vedere promossa la propria attività in questo ambito.

protezione e qualità ambientale
La Fondazione ha sempre reputato di grande attualità e rilevanza per il territorio di riferimento le attività e le iniziative volte a tutelare, salvaguardare e valorizzare l’ambiente. A tal fine, essa continuerà a considerare con attenzione e sostenere le iniziative e i progetti promossi in questo ambito dalle Istituzioni locali e dalle associazioni no-profit operanti in questo ambito sul territorio stesso.
salute pubblica
Anche nell’esercizio 2017, l’intervento della Fondazione in questo settore continuerà ad incentrarsi prevalentemente sul sostegno all’attività dell’Azienda Sanitaria di Imola, attraverso l’acquisto diretto e la successiva donazione di apparecchiature medicali, diagnostiche e chirurgiche, secondo le esigenze prospettate tempo per tempo dalla donataria. Per questi interventi è previsto uno stanziamento di 180.000 Euro.L’Azienda Sanitaria di Imola sarà inoltre destinataria dell’oramai “tradizionale” contributo di 100.000 Euro, per l’apprezzato servizio di invio dei referti diagnostici al domicilio dei pazienti.Come negli anni precedenti, inoltre, si continuerà a prestare una particolare attenzione alle attività svolte in ambito sanitario dalle associazioni volontaristiche no-profit operanti sul territorio.

assistenza agli anziani
Così come in passato, anche nell’esercizio 2017 la Fondazione sosterrà l’attività svolta a favore degli anziani dalle Istituzioni pubbliche locali e dalle associazioni private no-profit operanti sul territorio di riferimento: fra queste ultime, in particolare, sarà confermato il contributo di 35.000 Euro, a valere sulla redditività ordinaria, che oramai da diversi anni viene assicurato all’associazione Iniziative parkinsoniane imolesi

volontariato, filantropia e beneficenza
Nel settore considerato, il prossimo anno la Fondazione prevede di impegnare la somma di 200.000 Euro per iniziative da concordare con il Comune di Imola a favore delle famiglie in difficoltà a causa della perdurante crisi economica e, più in generale, per assicurare la tenuta sociale in ambito locale. Inoltre verrà dato un contributo di 80.000 Euro alla Caritas Diocesana Imolese per le attività da essa svolte a sostegno delle fasce più deboli ed emarginate della popolazione locale. Con finalità simili, sarà inoltre stanziato un contributo di 35.000 Euro, a valere sulla redditività ordinaria, all’A.S.P. – Azienda per i Servizi alla Persona del Circondario Imolese. Infine, si ritiene opportuno stanziare prudentemente un Fondo sociale interno di 40.000 Euro, per poter fronteggiare tempestivamente ed efficacemente improvvise situazioni di emergenza sociale che dovessero verificarsi nel prossimo anno. Anche nel prossimo esercizio, infine, la Fondazione sostenuta l’attività delle numerose associazioni private no-profit operanti negli ambiti del volontariato: fra le varie attività, si ricordano – senza alcuna pretesa di esaustività – la raccolta e la distribuzione di alimenti, l’attività di recupero dei tossicodipendenti, il sostegno alle persone con disabilità intellettiva, l’assistenza all’infanzia abbandonata, il contrasto alle situazioni di emergenza alimentare.

attività sportiva giovanile e amatoriale
La Fondazione continuerà a sostenere attivamente anche il settore della “attività sportiva”, da intendersi tuttavia nella più ristretta e tradizionale accezione di sport giovanile e amatoriale. Anche nell’anno di riferimento, pertanto, gli inattività sportiva giovanile e amatoriale terventi saranno finalizzati alla formazione di una cultura personale aperta ai rapporti con la società nonché alla realizzazione di luoghi e momenti aggregativi anche come ritorno di immagine per il territorio di riferimento.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.