Home Eventi Imola: La Fondazione per la Salute Pubblica

Imola: La Fondazione per la Salute Pubblica

by admin

Quattro anni di interventi a favore del territorio
E’ consolidato nel tempo il supporto che la Fondazione Cassa di Risparmio di Imola garantisce alla sanità pubblica del territorio circondariale.
I contributi che annualmente vengono garantiti hanno un valore di circa 300mila euro/anno e per una parte preminente sono erogati in natura, con l’acquisto di attrezzature biomedicali di volta in volta concordate con la direzione generale ed il settore di ingegneria clinica dell’Azienda USL. Si tratta di donazioni fondamentali per il rinnovo del parco tecnologico aziendale delle diverse unità operative, che permettono all’Azienda di avere sempre strumentazioni all’avanguardia.
Solo negli ultimi 4 anni sono stati acquistati direttamente dalla Fondazione e donati all’Azienda USL di Imola:
1 Ecotomografo Cardiologico di alta fascia completo di sonde adulto, di sonde pediatriche e di una sonda trans-esofagea necessaria per la diagnostica Ultrasonica Cardiologica di I e II livello, sia per pazienti ambulatoriali che per pazienti ricoverati presso il reparto di Cardiologia e Terapia intensiva coronarica dell’Ospedale Santa Maria della Scaletta di Imola, per un valore di €. 76.239,00.
1 Ecotomografo Internistico Pediatrico per diagnostica internistica, encefalo pediatrica e neonatale, utilizzato per la valutazione addominale, encefalica e delle anche sia per pazienti ambulatoriali, in accesso di emergenza al Pronto soccorso pediatrico che per ricoverati presso la UOC di Pediatria e Nido dell’Ospedale S. Maria della Scaletta di Imola, il cui valore è di €. 41.171,00.
1 Ecotomografo Trasportabile Internistico, con funzionamento anche a batteria, che garantisca la possibilità di eseguire l’ecografia al letto del paziente, pratica particolarmente importante nei reparti medici, dove spesso il paziente non deambula e le sue condizioni rendono difficile il trasporto presso gli ambulatori. L’apparecchiatura è destinata alle Unità Operative di Medicina 1, 2 e Ambi dell’Ospedale S. Maria della Scaletta di Imola, ed ha un valore di €. 22.590,00.
-1 Elettromiografo portatile a tre canali, destinato alla Struttura semplice dipartimentale di Neurologia dell’Ospedale S. Maria della Scaletta di Imola per esecuzione di esami di elettromiografia, di conduzione nervosa e di potenziali evocati multimodali al letto del paziente, in particolare quando ricoverato presso la UOC di Terapia intensiva del valore di € 30.000
-3 ecotomografi di ultima generazione ad altissima definizione e che garantiscono prestazioni diagnostiche ed affidabilità di massimo livello. Tutti e tre i sistemi ecografici includono moduli software avanzati e sonde specifiche per ciascuno degli utilizzi clinico-diagnostici. Di particolare rilievo il modulo Fibroscan per la diagnostica epatica di cui è dotato l’ecografo dedicato alla Gastroenterologia del valore complessivo di 120mila euro.
-2 sistemi completi per interventi Endoscopici/laparoscopici destinati al Blocco Operatorio dell’Ospedale S. Maria della Scaletta di Imola, del valore complessivo di 104mila euro, composti da Telecamera Image 1 e processore di immagini.
-1 microscopio operatorio per la chirurgia dell’occhio Proveo 8 è il gold standard nella tecnologia dedicata al settore, grazie all’illuminazione tramite quattro LED coassiali per la chirurgia anteriore e posteriore dell’occhio (chirurgia vitroretinica, glaucoma, trapianto di cornea, ecc) del valore di 133mila euro.
-3 ecotomografi Ginecologici GE Healthcare per la UO di Ostetricia e Ginecologia dell’AUSL di Imola 146.400,00
– 2 sistemi per prove da sforzo completi di pedana accessoriata e sistema di acquisizione e analisi ECG completo €. 34.160,00
Storico e continuativo è il contributo erogato annualmente per la consegna dei referti a domicilio, avviatosi nel 1996 e che prosegue a tutt’oggi (100mila euro nel 2016 e nel 2017, 85mila nel 2018 e nel 2019.
Questo contributo ha garantito negli anni la possibilità per tutti gli assistiti dell’Ausl imolese di ricevere i referti di visite ed esami per via postale al proprio domicilio.
Negli ultimi anni, con lo sviluppo del Fascicolo Sanitario elettronico (che è ad oggi attivo per oltre il 30% dei cittadini del circondario), è in aumento la percentuale di popolazione che riceve i referti per via informatica sospendendo l’invio postale. La Fondazione ha collaborato con l’Azienda anche nelle campagne di informazione sull’FSE, promuovendo 2 giornate seminariali per i cittadini nel 2018 e 2019.
Altre importante progetto che fin dal 2010 vede la Fondazione come partner dell’Ausl di Imola e per cui viene garantito un co-finanziamento variabile tra i 7 e gli 8mila euro l’anno, è quello di consulenza e supervisione tecnica sugli aspetti comportamentali nei minori con disturbi dello spettro autistico.
Nell’ambito di questo continuo supporto, la Fondazione collabora costantemente con la direzione generale per valutare il supporto di progettualità emergenti. In tal senso, ad esempio, nel 2016 ha erogato un contributo suppletivo per un contratto di psiconcologia indirizzato alla UOC di Oncologia di Imola e nel 2019 sta valutando di contribuire all’acquisizione di ore di neuropsicologo per le attività connesse al Centro Disturbi cognitivi di Imola.
Altri contributo, garantiti dalla Fondazione a progetti di Associazioni Onlus insistenti sul territorio imolese hanno avuto una positiva ricaduta indiretta sull’Ausl di Imola: ad esempio con la raccolta di erogazioni liberali connesse alla distribuzione di cataloghi di una mostra artistica della Fondazione, affidata all’Associazione Il Ponte Azzurro, l’Associazione ha poi acquistato una scaletta professionale per gli esercizi di fisioterapia nei bambini donata alla Neuropsichiatria Infantile e grazie al supporto garantito alla campagna di sensibilizzazione Shaken Baby promossa dall’Associazione L’Isola che c’è, la stessa associazione ha donato 5 monitor per la trasmissione di video educativi nelle sale di attesa dedicate ai neo genitori dell’Ausl di Imola.

Ti potrebbe interessare