Home Salute LE PRINCIPALI CAUSE DELLA SORDITÀ

LE PRINCIPALI CAUSE DELLA SORDITÀ

L’abbassamento dell’udito è uno dei problemi di salute più diffusi al mondo. In Italia una persona su cinque ha difficoltà uditive abbastanza serie da interferire con la propria comunicazione quotidiana. Le possibili cause sono molte: prima tra tutte la presbiacusia, cioè la perdita uditiva causata dall’avanzare dell’età, che solitamente avviene in modo lento e graduale. Tra i fattori che espongono maggiormente al rischio ci sono:
-ripetuta esposizione ai rumori forti (soprattutto in ambito lavorativo e domestico)
-infezioni e otiti
-ferite alla testa o all’orecchio
-reazioni avverse a medicinali e trattamenti antitumorali (per es. antibiotici, chemioterapici, radiazioni)
Nei bambini sono invece più comuni i danni alla nascita e la predisposizione genetica.
La riduzione dell’udito, che in ambito medico prende il nome di Ipoacusia, può interessare un solo orecchio o entrambe e può essere di grado lieve, medio oppure grave.
A prescindere dall’entità del danno, esistono due tipi di ipoacusia:
l’ipoacusia trasmissiva, causata da un problema all’orecchio esterno o medio (come l’otite media cronica), che è spesso curabile attraverso un intervento di tipo medico o chirurgico.
L’ipoacusia neurosensoriale è invece più diffusa e ha origine nell’orecchio interno o a livello del nervo acustico; questa nella maggior parte dei casi può essere trattata grazie all’impiego di apparecchi acustici.
La ricerca ha dimostrato che esiste un nesso importante tra ipoacusia non trattata e patologie fisiche e cognitive, perciò, qualunque sia la causa, il tipo e la gravità della sordità è fondamentale attivarsi prontamente per riabilitare l’udito.
Albonetti Matteo- Audioprotesista